Esistono amori evolutivi, del tutto accidentali, che non avvengono ‘di necessità’ ma per scelta.

L’esperienza con l’AG, quando capita, si impone, sia che noi l’accogliamo con leggerezza sia che noi ne rifuggiamo, ‘deve’ capitare, deve per lo meno presentarsi, manifestarsi e poi starà a noi scegliere come viverla.

Sarà comunque un rapporto, realizzato o solamente ‘sentito’, epocale.

Se ti sei perso la prima puntata della nostra rubrica “Anima Gemella: una questione di vibrazioni!”, puoi trovarla di seguito.

“Anima Gemella: il Karma d’amore – [Parte 1]”.

Gli amori accidentali

Quelli che io qui indico come ‘amori accidentali’ sono incontri, più o meno intimi, che portano a una maggiore comprensione e conoscenza di noi e del mondo, che ci aiutano offrendoci una prospettiva diversa sulle nostre problematiche.

Se si realizzano in qualche modo ovviamente la conoscenza ne giova perché tramite l’amore si sperimenta sempre un’accelerazione e l’amore, l’adesione al maestro, chiunque esso sia, è il più potente e a mio parere l’unico ponte verso la conoscenza.

Dal momento che ogni relazione intima, anche di amicizia e perfino lavorativa, ci offre uno specchio delle modalità della nostra personalità, anche questi ‘compagni accidentali’ riflettono ciò che noi stessi siamo, seppure in modo meno profondo dell’AG, e ci offrono insieme all’esperienza dell’altro da noi quella, forse ancora più preziosa, di noi stessi nell’altro.

Si tratta di incontri evolutivi, AG anch’esse, se vogliamo, ma situate decisamente ai margini della nostra famiglia animica.

Il partner condividerà gli stessi vostri livelli vibrazionali e ovviamente anche la medesima tipologia energetica, sarà molto carente nei chakra per noi più problematici e condividerà le stesse nostre ferite non risolte, anche se nessuno dei due ne è consapevole, in una parola condividerà le nostre stesse nevrosi e in alcuni casi la coppia che si viene a formare non è tra due AG ma tra due nevrosi gemelle.

La mancanza di consapevolezza accresce la sofferenza, l’intolleranza e il ricadere di necessità sempre nelle medesime dinamiche distruttive. La coppia, tirando un sospiro di sollievo e uno di dolore, si scioglie.

I diversi tipi di amori

Gli amori accidentali non contemplano in genere esperienze con anime già conosciute in vite precedenti, non sono così cruciali a livello evolutivo e rivelatrici delle proprie dinamiche interiori profonde. Rappresentano delle esperienze di assaggio, di sperimentazione, utili e frequenti all’inizio del proprio percorso evolutivo.

In seguito si è in grado di godere appieno dei rapporti sociali senza disperdere le energie in relazioni sentimentali incomplete e conflittuali e si ha la ‘grazia’ di incontrare solo AG.

Gli amori occasionali non capitano più, non si fanno più le cose a caso o impulsivamente, ma con consapevolezza e per necessità, per andare passo dopo passo, con i compagni giusti verso la nostra realizzazione.

Gli amori impossibili sono invece esperienze di livello più alto, che producono grande espansione ed accelerazione.

FINE SECONDA PARTE

————————————————————————————————————————————————–

Ci ritroveremo Domenica prossima con la terza puntata di “Anima Gemella: una questione di vibrazioni”.

Parleremo di amori impossibili e ci concentreremo sul dislivello vibrazionale che c’è tra noi e questo tipo di amore.

To be continued…

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

8 + 13 =