È possibile migliorare la memoria? Secondo la scienza, assolutamente sì.

Spesso sono sufficienti alcuni allenamenti costanti per portare il nostro cervello ad incrementare le capacità mnemoniche. Ovvero, quelle che ci permettono di memorizzare le informazioni. 

Con le giuste tecniche, è possibile anche “ingannare” la propria mente. E ordinarle inoltre di ricordare ciò che ci interessa o che ci potrà servire in futuro. 

Esistono svariati modi per migliorare e sviluppare la memoria, di seguito ne vediamo alcuni davvero interessanti (e scientificamente provati). 

Migliorare la memoria: la tecnica dei numeri

Il primo esercizio utile per migliorare la memoria è quello di sfruttare ciò che il cervello riesce a ricordare e collegare meglio. Come i numeri, per esempio. 

Questo esercizio può essere utile sia per studiare o lavorare, sia per compiere faccende quotidiane che richiedono l’uso della memoria. Avete mai sentito parlare del metodo che consente di memorizzare l’elenco della spesa utilizzando i numeri?

Si procede in questo modo. Scrivete una lista della spesa numerando gli oggetti. Dopodiché, leggete una sola volta l’elenco mentalmente, osservando anche i numeri presenti di fianco. Infine, memorizzate unicamente la quantità di oggetti presenti. 

Sembrerà assurdo, ma ricordare quanti elementi sono presenti all’interno di un elenco, vi aiuterà a ricordare anche quali sono quegli oggetti. Questo perché la mente “assorbe” meglio le informazioni quando sono scritte ordinate e sono associabili a dei numeri

Si tratta di una tecnica applicabile a qualsiasi ambito. Provare per credere. 

L’arte del saper allenare e gestire la mente

Un altro metodo che può aiutarvi a migliorare la memoria è quello di allenare l’attività del cervello evitando che si impigrisca. 

Con il passare del tempo, nel corso del processo di invecchiamento, le capacità mnemoniche tendono a diminuire e diventare meno “accoglienti” con le nuove informazioni. 

In realtà però, si tratta più che altro di un problema di atteggiamento. È raro infatti che le persone anziane “si concedano” di imparare qualcosa di nuovo (anche se non è impossibile). Di solito, col tempo prendono la cattiva abitudine di ripetere sempre le stesse azioni, e di percorrere sempre gli stessi luoghi. 

Questo però, porta il cervello ad “impigrirsi”, portandolo spontaneamente a non ricordare le informazioni che sono ritenute meno interessanti. 

Per evitare che le vostre capacità si “spengano” a poco a poco, abituatevi ad accogliere con curiosità tutto ciò che ancora dovete conoscere. Visitate luoghi differenti, trovate nuovi stimoli, confrontatevi con dei nuovi punti di vista. 

Il vostro cervello è capace di assimilare una quantità tale di dati e informazioni che potreste non crederci. Per permettergli di farlo però, anche il vostro atteggiamento dovrà mostrarsi collaborativo e accogliente. 

Non dimenticate inoltre che la forza di volontà può riuscire a vincere sulla mente, quando questa “si rifiuta” di assimilare. Spesso, quando volete memorizzare qualcosa, è sufficiente che vi rivolgiate direttamente a voi stessi, ordinando espressamente al vostro cervello: “Ricordati che devi fare questo più tardi”. 

Ancora una volta, non dovete far altro che provare. 

 

www.freepik.com

 

Foto www.freepik.com

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

5 + 5 =