Lavorare al PC per molte ore al giorno potrebbe causare fastidi sia alla muscolatura frontale che a quella oculare, oltre che sommarsi alle già presenti classiche situazioni di stress eccessivo.

Tuttavia esistono delle tecniche, o meglio esercizi, che potranno alleggerire la tensione muscolare sin da subito permettendo di rilassare fronte ed occhi.

Basterà quindi dedicare soltanto pochi minuti al giorno (magari tra una sessione di lavoro e l’altra) eseguendo gli esercizi che vi proponiamo in questo articolo, per ricevere sollievo immediato e migliorare di conseguenza il proprio stato psico-fisico e la performance lavorativa.

Se ti interessa l’argomento, ti consigliamo di leggere anche: “Malocclusione: cause, rimedi, trattamenti”.

Di seguito i consigli di Fabio Rizzo per chi passa tante ore al PC, utili a rilassare la muscolatura della fronte e degli occhi.

Lavorare al PC: gli esercizi

Gli esercizi da svolgere per chi passa molto tempo a lavorare al PC, sono semplici da effettuare e non necessitano di alcun strumento o di competenze particolari.

Se eseguirete gli esercizi in maniera ottimale, riscontrerete un immediato sollievo.

Ecco i vari passaggi da effettuare:

1 – Il primo step

«Si inizia partendo dalla radice del naso per andare fino alla parte frontale, utilizzando due dita», spiega Fabio Rizzo. Il movimento va ripetuto per cinque-sei volte. Si possono anche utilizzare quattro dita, andando sempre dal basso verso la zona frontale. Quest’ultimo automassaggio si può eseguire anche 8/10 volte.

2 – I massaggi rotatori

«E’ anche utile eseguire dei massaggi in senso rotatorio, al di sopra delle sopracciglia», prosegue Fabio Rizzo. Qui potrà apparire una sensazione di tensione. Da questo punto si prosegue lateralmente fino alle orecchie.

3 – La trazione sul muscolo massetere

«Partendo dagli occhi – spiega Rizzo – è possibile eseguire una trazione con le dita». Si procede ruotando le dita in direzione laterale fino ad incontrare la zona cartilaginosa dell’orecchio esterno. Qui si potrà sentire sotto le dita il muscolo massetere, quello della masticazione, che normalmente è quasi sempre contratto (specialmente per chi mastica la gomma. È possibile la comparsa di dolorabilità, il dolore conferma la necessitá  e l’utilità di continuare. Ripetere sette-otto volte.

4 – La ginnastica oculare

Il passo successivo prevede sempre un automassaggio rotatorio intorno all’orbita oculare. Anche qui si andrà verso l’orecchio. Dopo di che è possibile fare una vera e propria “ginnastica oculare”. «L’occhio è un muscolo a sé – spiega Fabio Rizzo – Si può iniziare puntando lo sguardo verso l’alto, come a voler vedere le sopracciglia. Poi puntando verso il basso come per guardare il labbro inferiore. Infine andare verso destra e poi verso sinistra ed eseguire delle rotazioni».

Un esercizio utile anche in senso metaforico perché «La nostra attuale visione dipende dai punti di vista – conclude Rizzo – E se cambiamo i punti di vista, cambierà anche la visione».

Conclusioni

Ci teniamo a precisare che gli esercizi dovranno essere eseguiti con molta calma e soprattutto senza fretta. Altrimenti rischiate che i muscoli frontali ed oculari non ricevano i giusti benefici derivanti dal massaggio rotatorio e dalle trazioni effettuate sul muscolo della masticazione.

Se volete essere sicuri di non sbagliare e di effettuare tutti i vari esercizi nella maniera corretta, vi invitiamo a seguirci sulla nostra pagina Facebook (@osteopatiafluidica).

Dopo l’uscita di questa guida, infatti,  pubblicheremo un video-tutorial in cui Fabio Rizzo spiegherà in maniera dettagliata come e perchè rilassare fronte e occhi, e ci mostrerà visivamente come eseguire gli esercizi in maniera ottimale.

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

11 + 3 =