Rimedi naturali per raffreddore

Rimedi naturali per raffreddore

I rimedi naturali per raffreddore sono probabilmente i più ricercati e i più utilizzati per combattere questa infiammazione delle vie aeree. 

Spesso infatti basteranno delle piccole accortezze per poter liberarsi da questo fastidioso disturbo di origine virale.

Il raffreddore di per sé non è assolutamente un disturbo grave ma potrebbe rappresentare un campanello d’allarme per patologie o infezioni ben più preoccupanti (di questi tempi è possibile anche confonderlo con infezione da Covid-19).

Principalmente le cause sono da attribuire a batteri che attaccano la mucosa nasale e faringea. I sintomi più comuni sono starnuti, tosse e maggior salivazione.

Di seguito vi indicheremo i migliori rimedi naturali per il raffreddore. 

Rimedi naturali per raffreddore: la salicina

Tra i migliori rimedi naturali per il raffreddore troviamo la salicina. Forse non tutti la conoscete, non si tratta di un prodotto, una pianta o un fiore, bensì di un composto chimico. 

Si estrae principalmente dalla corteccia degli alberi, più precisamente del pioppo. Il pioppo è l’albero che presenta la corteccia con più alte quantità di salicina. 

Ebbene, una volta estratta viene lavorata e riproposta sotto forma di sciroppo o polvere. Possibile trovarla in Farmacia o in Erboristeria. 

Vi informiamo che la salicina viene spesso utilizzata anche nella produzione di aspirine, il principio attivo risulta essere l’ideale per combattere il raffreddore o l’influenza. Si comporta benissimo come anti infiammatorio ed anti nevralgico. 

In caso di febbre è in grado di riequilibrare la temperatura corporea, riducendo al minimo gli sbalzi termici.

Zenzero

Lo zenzero è anch’esso tra i rimedi naturali più efficaci per combattere il raffreddore. Originario dell’estremo oriente, lo zenzero è una radice che si presenta con un sapore deciso e piccante.

Non piace a tutti, ma crediamo che sia meglio sorvolare sul gusto perché una tisana allo zenzero rappresenta un vero toccasana per l’organismo, più precisamente per l’intero apparato respiratorio. 

Lo zenzero è in grado di “riscaldare” il nostro corpo, stimolare la sudorazione e sciogliere il muco contenuto nelle narici e nei bronchi. 

Possiede proprietà anti batteriche e diuretiche. È in grado di attivare la digestione e stimolare il metabolismo. Al tempo stesso riesce a combattere i virus che attaccano l’apparato respiratorio. 

Inalare vapore

Ebbene si, l’ultimo rimedio per il raffreddore che vi proponiamo non è un prodotto naturale bensì un’azione da svolgere. 

Inalare vapori infatti servirà a sciogliere il muco e liberare l’apparato respiratorio dai batteri. 

Non avrete bisogno di chissà quali ingredienti o attrezzature, ma vi basterà una pentola per bollire l’acqua, del sale (ricco di iodio e quindi assolutamente utile per migliorare la respirazione) e del bicarbonato di sodio (in grado di neutralizzare gli acidi e regolare il sistema respiratorio). 

Il nostro consiglio è di portare l’acqua ad ebollizione ed aggiungere poi tre cucchiaini di sale e uno di bicarbonato. Dopodiché posizionare la testa a 15-20 cm circa dalla pentola e appoggiare un asciugamano sulla stessa in modo da non disperdere il vapore. 

Potrete quindi procedere con l’inalazione dei vapori. Proseguite fino a quando il vapore non scomparirà del tutto. 

Foto da – www.freepik.com

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

1 + 9 =

Rimedi naturali per scottature

Rimedi naturali per scottature

I rimedi naturali per le scottature sono un metodo molto efficace per alleviare il dolore e rigenerare la pelle. Sia che si tratti di ustioni da contatto con fuoco o oggetti bollenti, oppure di un’eccessiva esposizione ai raggi solari. 

Quando si verifica un’ustione, la pelle e i suoi tessuti vengono lesionati in maniera più o meno intensa. In base alla gravità, si distinguono 3 tipi di lesione. Quella di primo grado si risolve nel giro di qualche giorno, e colpisce lo strato più superficiale della pelle. Al secondo grado invece vengono danneggiati gli strati intermedi della cute, appaiono delle vesciche e la guarigione richiede qualche settimana. 

Il terzo grado è quello più grave, e avviene quando si lesionano le terminazioni nervose dei vasi sanguigni e del sangue. In questo caso sarà obbligatorio recarsi immediatamente al Pronto Soccorso. 

Vediamo di seguito quali sono i migliori rimedi naturali per scottature di primo e secondo grado. 

Rimedi naturali per scottature: patata cruda

Questo è senza dubbio uno dei rimedi naturali per le scottature più diffusi e conosciuti da sempre. Dovrete semplicemente sbucciare la patata e tagliarla poi in fettine. 

Posizionate quindi le fettine di patata cruda nella zona scottata. Attenzione però, perché dovrete fare molto in fretta, visto che tale rimedio è efficace solo se applicato immediatamente dopo l’ustione. 

La patata ha delle straordinarie capacità di assorbire il calore e rigenerare i tessuti lesionati. Questo grazie alla grande quantità di solanina che contiene. Si tratta di un alcaloide glicosidico che ha notevoli effetti farmacologici. Agisce sulla cute favorendo la cicatrizzazione senza lasciare residui di bolle o segni sulla pelle. 

La patata è inoltre in grado di dare un sollievo immediato, perché calma velocemente il bruciore e previene la sensazione di forte prurito, conseguenza inevitabile delle ustioni.  

Aloe Vera

Non possiamo non citare l’aloe vera tra i migliori rimedi naturali per le scottature. Questa pianta speciale si rivela utile per contrastare tantissimi tipi di infezioni, infiammazioni e malesseri che colpiscono l’organismo. Tanto che, col tempo, si è aggiudicata il nome di “pianta miracolosa”. 

Grazie alle sue notevoli proprietà antiossidanti, emollienti e lenitive, agisce sulla pelle idratandola affondo. È in grado di donare un effetto refrigerante dopo pochi secondi di applicazione, prevedendo anche la formazione di cicatrici o sfoghi, come l’acne. Rende la cute più morbida, elastica e meno tesa.

L’aloe vera contiene al suo interno un grande quantitativo di Vitamina C e di Collagene. Tali sostanze favoriscono la ristrutturazione del tessuto connettivo della pelle, e svolgono inoltre un’azione antiossidante per le cellule. 

Aceto di sidro di mele

Infine, tra i rimedi naturali per le scottature, vi proponiamo l’aceto di sidro di mele. Sin dai tempi antichi, i benefici antisettici dell’aceto sono noti a tutti, e infatti questo ingrediente viene utilizzato per numerosi scopi differenti. 

Per quanto riguarda le ustioni della pelle, dovrete diluire l’aceto di sidro di mele con dell’acqua. Attenzione, perché questo passo è fondamentale. Se non diluito infatti, l’aceto può provocare nuove ustioni, invece di alleviare quelle già presenti. 

È possibile fare un bagno fresco aggiungendo l’aceto all’interno di una vasca piena d’acqua. Oppure, potrete preparare un contenitore spray con il composto, spruzzandolo sulla zona scottata. In alternativa infine, potete tamponare la zona con un panno imbevuto di acqua e aceto. 

L’aceto di sidro di mele possiede ottime capacità depurative e disinfettanti. È in grado di purificare perfettamente la parte ustionata, combattendo l’infezione e impedendo la proliferazione di batteri nocivi.

Foto da – www.freepik.com

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

14 + 2 =

Rimedi naturali per emicrania

Rimedi naturali per emicrania

Oggi tratteremo i rimedi naturali per l’emicrania, che si differenzia da altri tipi di mal di testa o cefalea. 

A dirla tutta l’emicrania fa parte delle cefalee primarie, insieme a cefalea intensiva e cefalea a grappolo. Tutte le cefalee primarie, fortunatamente, non sono pericolose e spesso non necessitano di visite mediche o altro. 

L’emicrania si riconosce per i suoi frequenti attacchi e la sua caratteristica “pulsazione” che la differenzia da tutti gli altri tipi di mal di testa o cefalee. Nella maggior parte dei casi coinvolge un solo lato della testa ed i fastidi ad essa legati hanno una durata variabile. Quest’ultima può andare da poche ore fino a 2-3 giorni.

Alcune volte l’emicrania non arriva da sola, ma viene accompagnata da altri sintomi. Tra questi troviamo senso di nausea, vomito, spossatezza. 

Di seguito vi indicheremo i migliori rimedi naturali per l’emicrania.

Rimedi naturali per emicrania: il Magnesio

Il Magnesio è da sempre uno dei migliori rimedi naturali per l’emicrania. Infatti è stato scientificamente dimostrato che in un soggetto che presenta carenze di magnesio è molto più predisposto a soffrire di mal di testa rispetto a chi è non presenta carenze di questo tipo. 

Il magnesio è in grado di svolgere più azioni benefiche sul nostro corpo, come ad esempio regolare la produzione di energia, stimolare il metabolismo attivando i lipidi, e favorire il mantenimento del giusto PH sanguigno. 

Svolge una funzione vasodilatatrice e regola il ritmo cardiaco. Inoltre, è anche un ottimo alleato per la formazione e la giusta crescita dell’apparato osseo. 

Che dire, se soffrite di carenza di magnesio vi converrà integrarlo subito tramite alimenti ricchi di questo minerale o specifici integratori. 

Impacchi freddi 

Uno dei rimedi naturali più validi per l’emicrania è un impacco freddo con oli essenziali. 

Particolarmente efficace per emicrania provocata da situazioni di stress e ansia, un impacco freddo migliorerà notevolmente questo disturbo fino a farlo scomparire del tutto. 

Il procedimento migliore è bagnare una garza sterile con dell’acqua fredda mischiata a sua volta con oli essenziali puri e biologici ovviamente.

I migliori oli per curare l’emicrania sono:

  • Olio di menta;
  • olio di eucalipto;
  • olio di basilico;
  • olio di lavanda;
  • olio di cipresso
  • olio di camomilla romana;

A questo punto, una volta imbevuta, non vi resterà che applicarla sulla fronte. Tenetela legata alla fronte fino a quando la temperatura della garza (e dell’acqua) diventerà uguale a quella corporea, ovvero a quella della fronte. 

Riposo

Forse non ve l’aspettavate, ma a volte un bel riposo può essere la soluzione migliore per curare l’emicrania. Se quest’ultima deriva infatti da stress e ansia, un po’ di relax, magari sdraiati al buio non vi farà affatto male. 

Anzi il nostro consiglio è di mettervi a letto, chiudere le finestre e concentrarvi sul vostro respiro. Così facendo distrarrete il vostro cervello dal dolore e dal fastidio che state provando, e rendere l’emicrania molto più lieve. 

Foto di Ulrike Maiwww.pixabay.com

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

5 + 9 =

Rimedi naturali per cistite

Rimedi naturali per cistite

Ci sono diversi rimedi naturali per la cistite, utili a combattere questo disturbo che colpisce sia le donne che gli uomini.

La cistite è una infiammazione delle vie urinarie che provoca spesso bruciore, spasmi e fastidi in generale. Molte volte causa la sensazione di dover urinare di continuo, fastidio che può ovviamente compromettere le azioni quotidiane. 

Principalmente le cause della cistite sono da ricercare nelle infezioni batteriche o, molto più raramente, in problemi legati alla parete vescicale. L’origine più comune di questa infiammazione riguarda però l’intestino e, come già detto, l’eventuale presenza di batteri.

In una lettura psicosomatica la cistite è una irritazione determinata dalla frustrazione data da una “perdita territoriale” senso di impotenza, impossibilità di farsi rispettare, di dire di no soprattutto in ambito sessuale.

Di seguito vi indicheremo i migliori rimedi naturali per la cistite.

Rimedi naturali per la cistite: Mirtillo Rosso

Tra i rimedi naturali per la cistite che risultano più efficaci, c’è sicuramente il Mirtillo Rosso. Attenzione però, perché non sarà possibile usare tutte le varietà di Mirtillo Rosso, bensì solamente l’Ossicocco, chiamato anche Mirtillo palustre. 

Ebbene, questa pianta produce delle bacche in cui sono contenute interessanti proprietà, utili proprio a combattere la cistite. Le proprietà in questione svolgono azioni anti infiammatore e anti ossidanti. 

I principi attivi del Mirtillo vengono “assorbiti” dall’organismo, anche se solo alcuni di essi risulteranno davvero utili. L’organismo quindi procederà a filtrare le sostanze necessarie e ad espellere tramite l’urina quelle ritenute non adatte per il nostro corpo. 

Dopodiché i principi attivi assorbiti provvederanno a rendere scivolosa la superfice delle mucose, creando non pochi problemi ai batteri presenti che non riusciranno ad aderire alle mucose. 

Di conseguenza non saranno in grado di attaccare l’organismo, e pian piano i fastidi legati alla cistite andranno a scomparire. 

Bardana

Un ottimo rimedio naturale per la cistite è rappresentato dalla Bardana. Forse in molti non la conoscete, si tratta di una pianta erbacea molto comune in Italia, tanto da essere definita “infestante”. 

Ebbene, la pianta è in grado di curare i problemi della pelle e le impurità (quindi perfetta per acne, psoriasi, ecc.) e riesce anche a migliorare la digestione e i relativi problemi di stomaco. 

Negli ultimi tempi è stato scoperto che la pianta è in grado di curare anche l’iperglicemia. 

Per quanto riguarda la cistite invece, la Bardana rappresenta un valido aiuto per sconfiggere i batteri che attaccano l’intestino. Svolgerà un’azione fungicida e anti batterica. 

Infine segnaliamo anche che, se assunta in grandi quantità, può risultare lassativa. 

Uva Ursina

L’ultimo rimedio naturale per la cistite è l’uva ursina, o meglio l’estratto che si ricava dalle sue foglie. 

Ricca di glicosidi, tannini, e acidi fenolici, svolge una azione anti batterica sul nostro corpo, soprattutto riguardo l’intestino. In quest’ ultimo caso i principi attivi contenuti nell’uva ursina provvederanno ad effettuare azioni antisettiche dirette. 

Riesce a purificare la vescica e si rende particolarmente utile per combattere numerosi ceppi batterici, e quindi non solo la cistite.  

Foto di Alexas Fotos  – Pixabay

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

8 + 10 =

Rimedi naturali per stitichezza

Rimedi naturali per stitichezza

Fortunatamente esistono numerosi rimedi naturali per la stitichezza, un disturbo che riguarda la defecazione. 

La stitichezza (fastidio chiamato anche stipsi) può essere causata da diversi fattori, legati sia alla presenza di infezioni batteriche nell’intestino, ma anche ad abitudini e stile di vita scorretto.

Rientrano nello stile di vita scorretto la sedentarietà, la cattiva alimentazione (es. esclusione di frutta, verdura e fibre), la scarsa idratazione. 

La stitichezza può comparire però anche a causa di disturbi patologici di tipo ormonale o di tipo neurologico. 

Non è un disturbo grave, ma se non curato adeguatamente potrebbe causare ulteriori fastidi. 

Se la stitichezza viene accompagnata da alcuni sintomi come vomito, febbre, anemia o anche sangue nelle feci, vi consigliamo di rivolgervi quanto prima al vostro medico di fiducia.

Di seguito vi indicheremo i migliori rimedi naturali per la stitichezza.

Rimedi naturali per la stitichezza: la liquirizia

Il primo tra i migliori rimedi naturali per la stitichezza che vi segnaliamo è la liquirizia. Si tratta di un estratto vegetale che si ottiene dalla bollitura delle radici di liquirizia (pianta erbacea perenne). 

Ebbene la liquirizia possiede proprietà lassative, e risulta particolarmente utile per curare problemi legati all’intestino ed al colon.

Riguardo quest’ultimo, i principi attivi della liquirizia sono in grado sia di attirare l’acqua nel colon (grazie alla presenza degli zuccheri naturali) e sia di facilitare lo svuotamento dello stesso. 

Il nostro consiglio è di assumere liquirizia sotto forma di decotto. 

Frangola

C’è anche un’altra pianta dalle proprietà lassative che risulta particolarmente utile per curare la stitichezza. Stiamo parlando della Frangola (chiamata anche Frangula).

I principi attivi vengono estratti principalmente dalla corteccia, e si rivelano efficaci anche per curare le emorroidi e le ragadi. 

Si tratta di un lassativo antrachinonico in grado di ridare immediatamente tono alle fibre muscolari dell’intestino. Di conseguenza riesce a stimolare la peristalsi, in maniera assolutamente “non aggressiva”. 

Insomma si tratta senza dubbio di uno dei migliori rimedi naturali per combattere la stitichezza. 

La Malva

Infine, l’ultimo prodotto naturale della lista è la Malva, che fra l’altro è anche uno dei più efficaci. Questa pianta selvatica è ampiamente utilizzata in fitoterapia e naturopatia, possiede proprietà anti infiammatorie e svolge una azione benefica sull’intestino. 

L’estratto di Malva si ottiene principalmente dalle foglie e dai fiori, ed è in grado di limitare immediatamente le infiammazioni dell’intestino. Ma c’è di più perché funge anche da regolatore, con conseguente azione lassativa (anche in questo caso si tratta di una azione dolce e quindi assolutamente non aggressiva). 

I principi attivi contenuti nella Malva sono in grado di formare all’interno dell’intestino una sorta di gel, che verrà poi “utilizzato” per facilitare l’espulsione delle feci. Il gel agirà direttamente su quest’ultime grazie alle sue mucillaggini. 

Le mucillaggini sono sostanze vegetali capaci di assorbire enormi quantità di liquido, e trasformarlo in una soluzione gelatinosa (ovvero proprio il gel che agirà sulle feci).

Foto di Alicia Harperwww.pixabay.com

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

11 + 14 =

Rimedi naturali per herpes

Rimedi naturali per herpes

Navigando sul web potrete trovare diversi rimedi naturali per herpes, ma solamente pochi di essi risultano davvero efficaci per combattere questo disturbo. 

L’herpes è una infezione che può colpire la bocca, il viso e in casi più rari anche i genitali. Insomma colpisce alcuni dei punti più sensibili del nostro corpo, sarà quindi meglio fare attenzione e procedere sin da subito con le giuste cure. 

Si tratta inoltre di una infezione contagiosa, che può essere quindi “trasferita” a chi vi sta accanto. 

Solitamente la causa principale della comparsa dell’herpes è da attribuire ad un indebolimento del sistema immunitario. Per curare questo disturbo, la prima cosa da fare sarà aumentare le difese immunitarie.

Di seguito vi indicheremo i migliori rimedi naturali per herpes.

Rimedi naturali per herpes: Burro di Karité

Il Burro di Karité è senza dubbio uno dei più efficaci rimedi naturali per herpes. Grazie alle sue proprietà emollienti riesce ad ammorbidire la pelle e donargli molta più elasticità.

Ma non solo, perché questo prodotto svolge anche una funzione protettiva in grado di mantenere la pelle umida ed elastica. Insomma tutto ciò che serve per contrastare questa fastidiosa infezione. 

Il consiglio è di applicare del burro di Karité sulla parte da trattare, più volte durante la giornata (basteranno 2-3 volte). 

Segnaliamo che in caso di esposizione solare, sarà necessario aumentare la frequenza giornaliera dell’applicazione del burro di karité. 

Potrete trovarlo sotto forma di stick in Farmacia o Erboristeria. 

Aloe

Tra i migliori rimedi naturali per herpes non poteva mancare l’aloe, una pianta “magica” per quanto riguarda lesioni e infiammazioni. 

Principalmente l’aloe è conosciuto per le sue proprietà cicatrizzanti in grado di rigenerare velocemente la pelle. È l’ideale in caso di ferite o abrasioni. 

Ma non solo perché l’aloe possiede anche proprietà anti infiammatore e immunostimolanti, praticamente l’ideale per curare l’herpes. 

Inoltre svolge anche un’azione anti virale ed è in grado di combattere in maniera eccezionale il virus dell’Herpes. 

Il nostro consiglio è di usare un gel all’aloe, applicandolo in piccole quantità sulla zona da trattare. Lo troverete facilmente in Farmacia ed Erboristeria, ma anche nei supermercati più forniti. 

Camomilla

Infine, vi segnaliamo la Camomilla. Si tratta di un rimedio naturale solitamente utilizzato per combattere l’insonnia, ma in questo caso sarà possibile sfruttarlo anche come anti infiammatorio. 

La camomilla infatti contiene bisabololo, una proprietà in grado di alleviare il dolore derivante dalle infiammazioni ed allo stesso tempo debellare il virus dell’herpes. 

Svolge anche un’ottima azione lenitiva. Il nostro consiglio è di usarlo sotto forma di estratto, da applicare sempre in piccole quantità sulla zona da trattare, più volte al giorno. 

Segnaliamo che il bisabololo si ottiene anche per distillazione dell’olio essenziale di camomilla. Le parti della camomilla da cui si estrare questo principio attivo sono rappresentate dai capolini (possibile utilizzarli sia freschi che essiccati).  

Oltretutto la camomilla ha una azione di tipo vibratorio “blu” antisettica e naturalmente calmante. 

Foto di Silviarita  – Pixabay

Se pratichi terapie corporee e desideri ricevere ulteriori informazioni sui nostri corsi di Osteofluidica Cranio Sacrale, compila il modulo qui sotto e in poche ore riceverai una risposta dettagliata.

1 + 11 =